Saturday, December 8, 2012

Un Sole lì buttato a vanvera

Di Marco Sclarandis

Non posso rassegnarmi
vedere tutto quello spazio
in alto vuoto intorno

estratto dal nulla con astuzia
primizia di qualunque inizio
sprecato
con tanta noncuranza
un Sole lì buttato a vanvera
una Luna a casaccio
sistemata
tanto perché una Terra orbiti
s’un’ellisse non troppo
sgangherata
e con tale andazzo ammassi
di stelle di pianeti di galassie

sparpagliati come cani sciolti
noi qui sempre più stipati
a istupidirci
per innalzare stipiti
solai volte ed architravi
in modo da poterci
accasare tutti
rinuncio al volume della fossa
anche dell’urna cineraria

prossima ventura
pur di sapere adesso quale
fosse dell’Architetto il
vero intento.

Friday, December 7, 2012

Licheni acquattati

di Marco Sclarandis 

I licheni acquattati su tettoie d’ondulato asbesto
Sghignazzano sgargianti
Ai muschi quieti aggrappati a muri di cemento
E più in alto sorvolano incuranti
Piccioni passeri e gabbiani
Indecisi fra tralicci e pattumiere
Gli umani cupi mugugnano quotidianamente
Fra un lezzo ed un vezzo frastornati
Protetti da ricolmi armadi e pensili
Tessono prolifici camole ed aracnidi
Aspettando magari
Qualche formica persasi
Dai nostri acquai verso i fornelli
Chi sarà mai di tutti quanti il più malnato
Loro che ignari possiedono la terra
O noi che pur sapendo
Devastiamo anche dell’altrui riparo.

La canzone del picco del petrolio




I have squandered my resistance 
For a pocket full of mumbles such are promises 
All lies and jests 
Still a man hears what he wants to hear 
And disregards the rest 



Ho sprecato la mia resistenza
Per una tasca piena di rumore così sono le promesse
Tutte bugie e trucchi
Eppure un uomo sente quello che vuole sentire
E scarta il resto 


h/t 22 billion slaves 

Wednesday, December 5, 2012

Che cosa ne sa la massaia di Voghera?

Di Marco Sclarandis



Che cosa ne sa la massaia di Voghera
di percorsi hamiltoniani
di leggi invarianti con la scala
emergenti ovunque elementi siano in rete
ignora il bracciante di Pachino
in quali labirinti d’equazioni
bisogna orizzontarsi senza
un visibile d’Arianna filo
per capire il segreto muoversi dei fluidi
pensa in quel d’Abbiategrasso
l’assessore comunale in pausa pranzo
che forse è la funzione zeta
a gemellare numeri primi e atomi
a Lucera a Nichelino o sul Gran Sasso
potrebbero celarsi menti matematiche
distratte indaffarate a fare sughi
cogliere ortaggi e censire insegne commerciali
perché non invitarle a fare calcoli
e spiegarci quanto si voli in alto
sopra tinelli orti e bui vicoli
sorretti solo da algoritmi
lambiti da evanescenti proporzioni
e da lì quel quotidiano basso
diventi inesprimibile a parole

Tuesday, December 4, 2012

I Battellieri del Volga




Se avete cinque minuti, considerate l'idea di farvi prendere dal fascino di questo splendido video assemblato da BasileMarie. E' la canzone dei battellieri del Volga con sullo sfondo un quadro famoso di Ilya Repin del 1873. Il montaggio indugia sui dettagli di questo quadro incredibile che in una sola immagine riesce a raccontare una serie di storie senza fine. Senza fine, come il lavoro dei Burlaki, quelli che tiravano le chiatte sul Volga.

Pensateci: per tutto il secolo diciannovesimo, il secolo del carbone, il commercio è stato basato sulle vie d'acqua. Tutto si portava in quel modo, compreso il carbone, che non si poteva trasportare in nessun altro modo. E tutti noi hanno degli antenati che hanno tirato delle barche stracariche lungo qualche fiume; il Volga, l'Arno, o qualche altro.

Tirare perché qualcuno doveva tirare, tirare perché costava meno che far tirare un mulo, tirare perché dovevi mangiare, tirare perché non potevi farne a meno; tirare fino a non poterne più, fino a scoppiare, fino a cadere esausti, fino a morire di fatica.

E' strano pensare che da questo destino ci ha liberato il petrolio. Ma solo per un po' e lo stiamo pagando molto caro.... troppo. E il conto vero deve ancora arrivare.

Sunday, December 2, 2012

Bufalo miniato

Di Marco Sclarandis


Non pensavo d’incontrarti bruco verde
sul trespolo che m’adorna la cucina
acquattato tra le foglie di miseria
ma le caccole minute sparpagliate
puntuali nere e numerose
potevano mai essere di bufalo miniato
poi i ricami e le trine al vegetale
di certo non erano da mano sarta fatte
alla fine t’ho stanato lungo un margine
mentre spudorato divoravi ed evacuavi
in attesa di prodigiosa metamorfosi
ogni giorno più vitreo ed obeso
mi hai captato e cooptato nel tuo cosmo
frusciante fragile e gommoso
forte solo di fertilità imbattibile
d’entusiasmo s’è colmato il vaso
contenente il tuo pane e companatico
il trespolo smaltato e la cucina
la mansarda per un tempo incalcolabile
il quartiere la città l’intero mondo
l’animo mio è galassia da una settimana
ma solo il grande astrofilo ritroso
sa dove nell’universo siano le sue coordinate


Friday, November 30, 2012

Strabiliante antenna dell'iperspazio

h/t Barney - da http://raggioindaco.wordpress.com/2012/09/13/giuliana-conforto-su-meheran-keshe-finalmente-sfatato-il-tabu-della-gravita/


Il 12 luglio 2012 è uscita la notizia di eccezionali tecnologie in grado di modificare la gravità e di consentire viaggi tra un continente e l’altro in pochi minuti. L’ingegnere nucleare iraniano Mehran Keshe ha progettato dei reattori al plasma capaci di generare i propri campi, magnetico e gravitazionale, e contrastare così quelli della Terra.

Non conosco la tecnologia, ma riconosco i suoi fondamenti teorici e sono felice che sfati il tabù della gravità, il “mistero” che la scienza ortodossa spaccia per risolto e che, invece, non lo è affatto.

In un video l’ingegnere nucleare, Mehran Keshe, mostra i principi base della sua tecnologia, indicando l’esistenza al centro della Terra di un wormhole – un buco nero – e proponendo una concezione della materia simile a quella che io considero in sintonia con il Modello Standard. Nel mio libro Il Parto della Vergine, suggerisco che il “buco” al centro della Terra coincide con quello che i geofisici chiamano “inner inner core” – una sfera di 300 km di raggio – al centro del Core Cristallino.

Non solo: dico anche che questo buco nero è il SOL INVICTUS legato al culto di Mitra, iniziato nell’antica Persia (Iran) e propagatosi a Roma antica. I tasselli della storia ritornano con le tesi ermetiche che ripropongo: il buco nero al centro della Terra è in istantaneo contatto con quel buco bianco che è il sole in cielo. È una rivoluzione astronomica e antropica, proposta da millenni e cancellata sia dalle religioni che dalle scienze.

Le tesi ermetiche non sono effetti del metodo scientifico, ma prove di un’abilità naturale del cervello umano che è una strabiliante antenna dell’iperspazio. Nei miei seminari io e anche tanti altri abbiamo “visto” che il sole in cielo non è affatto la palla di gas, dipinta dai modelli astrofisici. Nel nucleo del sole, non ci sono milioni di gradi né la tanto decantata fusione calda. La tecnologia gravitazionale di Keshe ha di sicuro qualcosa di vero e non è affatto una bufala. 

Mi chiedo quali governi invieranno i loro rappresentanti agli appuntamenti di settembre 2012 fissati dalle Keshe Foundation. Come potranno trovare gli “esperti” in grado di comprenderla? Potrebbe cambiare le sorti del mondo, ma rischia di arenarsi nel solito gioco del potere.

Wednesday, November 28, 2012

Dio ha creato il gatto per permettere all'uomo di accarezzare una tigre

h/t Daniela


Diario doloroso di un assimilato

Di Pietro Cambi - via "Blog Condiviso"

Diario doloroso di un assimilato:
Oggi ho appena scoperto che non basta essere assimilati, per scamparla.
Sono andato a rivedermi l’origine del famoso ( ehm almeno tra noi gente bislacca) principio di Peter: In una data gerarchia ogni membro tende a raggiungere il proprio livello di incompetenza.
Come FORSE sapete, questo primo e famoso principio si accompagna a tre un poco meno famosi, ma strettamente connessi:

1) In una data gerarchia ogni singola posizione tende ad essere occupata da un individuo inadeguato al lavoro che deve svolgere;
 
2) Con il tempo ogni posizione lavorativa tende ad essere occupata da un impiegato incompetente per i compiti che deve svolgere;
3) In una data gerarchia il lavoro tende ad essere svolto prevalentemente da coloro che non hanno ancora raggiunto il propro livello di incompetenza.
Ho sempre pensato che questo sia in realtà un BEST case, perchè postula, ad esempio, l’esistenza di un sistema meritocratico.
Mediamente parlando le cose vanno peggio di cosi.
Ma c'è qualcosa di piu’ interessante: poichè ovviamente i compiti o almeno le competenze necessarie per svolgerli decentemente sono sempre piu’ complessi, via via che si sale i gradini, anche nel migliore dei casi, IN UNA GERACHIA I POSTI DI VERTICE SONO STATISTICAMENTE COPERTI DA INDIVIDUI INCOMPETENTI.
Che questo sia sostanzialmente vero, l’abbiamo sotto gli occhi tutti, almeno di chi li tiene aperti.
Ma c’è di più: Il sistema NEL SUO COMPLESSO è destinato al collasso.
Infatti il quarto e meno noto principio di Peter recita:
«Ogni cosa che funziona per un particolare compito verrà utilizzata per compiti sempre più difficili, fino a che si romperà.»
Notate che è un principio più generale che COMPRENDE gli altri tre.
Soprattutto notate come si lega a quel che ha scritto Tainter sui sistemi complessi o comunque ai casi NOTI di collasso di sistemi complessi.
Le cose stanno proprio cosi. Ad ogni livello del sistema, QUALUNQUE sia il sistema preso in considerazione, umano o naturale, ad ogni livello COMPLESSO formato da sistemi di sistemi ed ovviamente anche al livello massimo, al sistema dei sistemi dei sistemi chiamato Terra.

Stiamo adoperando la nostra società per compiti sempre più difficili e non funziona più. In più chi è ai vertici non è in grado di gestire la cosa, essendo incompetente.
Stiamo adoperando IL NOSTRO PIANETA allo stesso modo.
Come si può scappare dal collasso?
O con la decrescita ( fare cose piu’ semplici, in minori quantità).
O con la sostituzione dei vertici ( mettere persone più brave che non hanno ancora raggiunto il loro livello di incompetenza).
O con tutti e due.
Abbiamo poco tempo, direi la terza che ho detto.
Ma, per la legge di Peter, questa evenienza è estremamente remota.
Colui che arriverà a poter decidere cosa fare, NON SAPRA’ FARLO.
Se ci pensate, diecimila anni di civiltà ci danno proprio questa risposta: i casi di competenti al comando è cosi rara che questi pochi sono GLI UNICI che fanno avanzare le cose.
Per davvero: quelli di Peter sono dei postulati .
Come quelli euclidei.

Thursday, November 22, 2012

Edenico serraglio

Di Marco Sclarandis


A noi bastava di essere sicuri
che al polo delle aurore e aisberghi
vagassero quei bestioni solitari
dal derma bruno e la pellicia candida
sempre di pinnipedi affamati
e di lunghi letarghi ingordi
per noi ingenui era sufficiente
che nei profondi flutti banchi
d’affusolati esseri guizzassero
per scansare enormi fauci e piluccare
eterei crostacei e diatomee
ci accontentavamo di sapere
che nelle impenetrabili foreste
grovigli di fogliame e liane
albergassero chimere mai ritratte
oltre che feroci fiere maculate
e ronzanti esapodi e millipodi
ora questo edenico serraglio
sta svaporando come fragranza al vento
arrugginendo come ferro in sale
in compenso ma non risarcimento
saremo colmi di pixel impilati
di cataste di file numeriche ordinate
e animeremo le ore desolate
di noi civili urbanizzati
palpando vitree fototavolette
tutti insieme da nostalgia irretiti
orfani intristiti di favole di un Esopo
che sapevano essere quotidiana vita

Saturday, November 17, 2012

Smaltata coccinella

di Marco Sclarandis

Quale di tutte le vanesse
inseguendo consorte fino a nozze
farà d’un battito a Messina d’ali
un uragano flagellante il Messico
sembra una domanda futile
utensile adatto per ingannare il tempo
chè da un’altra parte forse
s’uno stelo in agguato una libellula
s’alzerà tra un momento in volo
ignara che il suo fermo fremito
darà l’avvio nei tropici al tornado
potessimo dare ai due alati nome
saremmo più potenti degli antichi dei
e tentati pure di portare in tribunale
quegli innocenti esseri a dibattersi
in una selva di leggi a loro aliene
in questo modo noi ci troviamo fatti
con una mente che si domanda tutto
sapendo in cuore che poco più di niente
sarà quello che si avrà in risposta
dev’essere per questo che ci distraiamo
scrivendo cifre diventate immense
con esse c’illudiamo di domare il vento
e l’animo di chi non si farà mai comprare
tu sulla mia unghia smaltata coccinella
involati adesso scompiglia la bufera
che dentro di me ora sento farsi forte.

Friday, November 16, 2012

23 modi per sentirsi molto soli






Quasi 14.000 articoli, di questi soltanto 23 non accettano l'idea che il riscaldamento globale sia causato dall'attività umana. Da "DeSmog Blog"

Thursday, November 15, 2012

Non ci faremo tutti comunisti

Di Marco Sclarandis


Non ci faremo tutti comunisti
ma nemmeno comunardi e
tantomeno ci dovremo
comunicare e far scomunicare
siamo già insieme accomunati
in comunelle e mulinelli
di comune gente scomodatasi
per trovare minimi comuni
multipli e massimi comuni
divisori e comunicatori
questo globo in accomandita
datoci da un socio riservato
sta finendo i combustibili
e asfissiando il comburente
senza uno scopo commendevole
siamo invece tutti commensali
amanti d’ostriche e caviali
come di cavoli e patate
purchè debitamente gratinati
come faremo a commutare
questa impresa commerciale
destinata alla chiusura
in un mercato comunale
rifornito allegramente
con dovizia incomparabile
senza accapigliarci in comitati

Thursday, November 8, 2012

La dittatura dei fatti


C'è un proverbio che dice:

Le chiacchere se le porta via il vento.

Ma vale anche l'inverso, che tante chiacchere sul cambiamento climatico hanno portato vento da uragani.

Avessimo dato più convinto ascolto agli avvertimenti lanciati negli anni settanta sui limiti e le conseguenze del nostro agire, ora non dovremmo occuparci pure di questa immensa rogna.

Ma è iniziata la dittatura planetaria dei fatti.

E quando sono i fatti a comandare, non resta che obbedire.

Marco Sclarandis

Monday, October 22, 2012

Gli alberi sono i pilastri del cielo

.... ma per alcuni sono soltanto "valore economico".  Ma, alla fine, non fa gran differenza se li perdiamo in ogni caso (da Desdemona's Despair)



Un nuovo studio pan-europeo suggerisce che il valore economico delle foreste scenderà dal 14% al 50% a causa del cambiamento climatico. Se non si prendono misure per evitarlo, il danno potrebbe raggiungere parecchie centinaia di miliardi di Euro, dicono i ricercatori guidati dall'Istituto Federale Svizzero per la ricerca sulle foreste, la neve, e il paesaggio , (WSL). Lo studio è stato pubblicato su Nature Climate Change.



A new pan-European study suggests that the economic value of forests will decline between 14% and 50% due to climate change. If measures are not taken to change this, the damage could reach several hundred billion euros, say researchers led by the Swiss Federal Institute for Forest, Snow and Landscape Research (WSL) in Switzerland. The study was presented in the journal Nature Climate Change.

Sunday, October 14, 2012

Come è bella la libertà!

Un gruppo di anatre allevate sempre chiuse in una gabbia; curate e liberate, scoprono l'acqua per la prima volta. Non è bella la libertà? (da Woodstock sanctuary)



Sunday, September 23, 2012

Il modello più stupido mai esistito

George Mobus su "Question Everything"

Entrambi i partiti, gli ideologi in tutti e due i campi, gli economisti neoclassici che propongono testardamente il loro modello di come il mondo funziona, tutti sono fissati sull'idea che la crescita implica un'economia sana. Un'economia sana crea posti di lavoro e fa si che tutti consumino a loro piacimento. Il consumo significa domanda. La domanda porta l'economia a crescere. QUESTO DEVE ESSERE IN ASSOLUTO IL MODELLO PIU' STUPIDO MAI ESISTITO!


Both parties, the ideologues in both camps, the neoclassical economists stubbornly asserting their model of how the world works, all hold to the idea that growth means a healthy economy. A healthy economy creates jobs and lets everyone consume to their hearts' contents. Consumption means demand. Demand drives the economy to grow. THIS HAS GOT TO BE THE ABSOLUTELY STUPIDEST MODEL THAT EVER EXISTED!

Monday, August 20, 2012

Tigri: ne rimangono solo 3000

Da Ecoalfabeta


.....sul nostro pianeta sono rimasti allo stato libero solo 3200 esemplari di questo meraviglioso felino. All'inizio del '900 si stima fossero circa 100 000, per cui in un secolo di caccia scriteriara e di "espansione della civiltà" ne abbiamo perso ben il 97%.

Tuesday, August 7, 2012

Il problema del fico

Beth Gardiner, dal NY times del 12 Luglio 2012


Certe volte, quando ci facciamo le nostre opinioni, ci  attacchiamo a  qualsiasi informazione che si presenta, non importa quanto irrilevante. Un nuovo studio dello psicologo Nicolas Guéguen pubblicato  il mese scorso sul Journal of Environmental Psychology ha trovato che i partecipanti che sedevano in una stanza con un albero di ficus che  non aveva foglie erano considerevolmente più propensi a dire  che  il riscaldamento globale è reale piuttosto di quelli che sedevano in una stanza con un albero di ficus con le foglie

Sometimes, when forming our opinions, we grasp at whatever information presents itself, no matter how irrelevant. A new study by the psychologist Nicolas Guéguen, published in last month’s Journal of Environmental Psychology, found that participants seated in a room with a ficus tree lacking foliage were considerably more likely to say that global warming was real than were those in a room with a ficus tree that had foliage.